News

Progress report
Il primo teatro (1637)

Siamo lieti di pubblicare la prima bozza dei progetti per la ricostruzione del Teatro San Cassiano così come si presentava nel 1637

CARATTERISTICHE PRINCIPALI:

  • 153 palchetti su cinque file, per 31 palchetti a fila
  • 29 palchetti nel ‘pepiano’ (la prima fila) con due uscite laterali
  • 31 palchetti nei quattro livelli superiori (primo, secondo, terzo e quarto ordine)
  • Due palchi prosceni su entrambi i lati del palcoscenico per ogni fila
  • Due coppie di sette ‘quinte’

 

Dopo molte ricerche e sforzi, siamo lieti di pubblicare la prima bozza delle piante per la ricostruzione del Teatro San Cassiano del 1637. Queste piante sono solo delle ipotesi di lavoro e hanno la sola funzione di contrassegnare l'inizio del percorso. Cambieranno via via con il progredire della nostra ricerca e delle consultazioni. Si limitano solamente a presentare la pianta nelle sue linee generali e non pretendono di riflettere né i più recenti risultati della ricerca in corso, né dettagli più specifici relativi ad aspetti costruttivi del teatro. Tutto questo verrà condiviso a tempo debito. Piuttosto, esse segnano un momento storico dato che (per quanto ci è dato sapere) rappresentano la prima resa grafica ‘accademica’ di come il Teatro San Cassiano poteva apparire nel 1637. Scriviamo "poteva" in quanto al momento abbiamo più domande che risposte, ma questo è il piacere della ricerca per un tale percorso. Queste piante, insieme a una sintesi della nostra ricerca, saranno condivise con i nostri consiglieri: le loro osservazioni guideranno i nostri prossimi passi. Ti terremo aggiornato…

 

 

Al momento, la nostra ricerca suggerisce che dal 1637 in poi il Teatro San Cassiano mantenne una struttura, su cinque file, di 153 palchetti (con qualche fluttuazione) finché nel 1763 non fu costruito un nuovo teatro a sei file con 197 palchetti (32 palchetti nel pepiano più cinque file da 33 palchetti l’una). Non esiste alcuna documentazione, ad oggi, che suggerisca che l'area del palcoscenico e la sua disposizione non siano rimasti sostanzialmente gli stessi fino a quando il palco (e non la sala) venne ingrandito nel 1763. In quel momento, vennero inseriti altri due palchetti e venne aggiunta un’ulteriore fila. Ma fu l’aumento delle misure del palcoscenico che spinse il teatro ‘in avanti’ e che dunque rese necessario l’acquisto di un’ulteriore striscia di terra lungo il Rio de la Madoneta.

Accertare il numero di palchetti è una cosa, verificare la forma della sala è un'altra. Per fortuna, l'architetto (Francesco Bognolo) registrò le misure di alcuni teatri veneziani tra cui il vecchio e il nuovo Teatro San Cassiano. Questo ci ha fornito le misure di due versioni del teatro (risalenti circa al 1695 e al 1763, una prima bozza non realizzata), la prima delle quali è il teatro costruito dopo il nostro teatro del 1637. Con l'aiuto del nostro architetto (Jon Greenfield, Hamson Barron Smith), abbiamo poi tracciato il vecchio teatro del 1695. Questo ha portato alla resa grafica di una tipica forma a ferro di cavallo ben consolidata nel tardo Seicento.

 

 

Abbiamo anche tracciato il teatro a forma di ‘U’ generalmente associato al primo Seicento. La nostra ricerca suggerisce che questi teatri seguono essenzialmente il modello del teatro romano, ma coi lati estesi per consentire la collocazione dell'orchestra e della ‘busa’ (una fossa che separa l'orchestra dall'area della platea); la qual cosa ha allungato necessariamente i vecchi 'teatri delle commedie'. Questi aspetti possono essere visti qui:

 

 

Questo modello ha fornito le basi sulle quali abbiamo poi ripristinato l'arco di proscenio tipico degli inizi del diciassettesimo secolo per creare il modello, da noi preferito, di cui sopra.

Non esitate a scaricare una copia della relazione completa ai nostri consiglieri.

2019

2018

Progress report

2017

Progress report